Che cosa è un defibrillatore?

Un defibrillatore è un dispositivo che invia uno shock elettrico attraverso il cuore. Questa scarica elettrica ad alta energia viene chiamata defibrillazione. L’obiettivo di questo shock è di far tornare il battito cardiaco al suo normale ritmo qualora la persona fosse in arresto cardiaco.

Quando devo usare il defibrillatore?

Se un individuo mostra i sintomi di un arresto cardiaco, il defibrillatore può essere usato per riportare il suo cuore ad un ritmo normale. L’ arresto cardiaco si verifica quando il cuore smette improvvisamente di pompare il sangue attraverso il corpo e normalmente è causato da un problema degli impulsi elettrici del cuore. Se il cuore smette di pompare il sangue attraverso il corpo, il cervello non riceverà ossigeno, provocando nell’individuo la perdita di coscienza e l’arresto della respirazione.

L’ arresto cardiaco è considerato un’emergenza medica e, a fronte di esso, deve essere intrapresa una serie di azioni immediate. In caso contrario, l’arresto può essere fatale per il paziente. Con l’arresto cardiaco, la vittima non è cosciente, non risponde e non respira, o comunque non ha un respiro normale. Se dovesse succederti di soccorrere una persona in queste condizioni, potrai aumentare le sue probabilità di sopravvivenza chiamando immediatamente il numero di emergenza e praticando RCP (Rianimazione-Cardio-Polmonare) il prima possibile.

Come funziona il defibrillatore?

I DAE sono facili da usare. Forniscono istruzioni vocali che aiutano il soccorritore passo per passo durante tutto il soccorso. Per usare un defibrillatore occorre estrarre gli elettrodi e separarli dalla plastica, posizionandoli poi correttamente sul petto nudo del paziente, come illustrato sugli elettrodi stessi. L’ottimale sarebbe eseguire queste operazioni mentre qualcun’altro continua ad eseguire RCP

Il defibrillatore analizzerà poi il ritmo cardiaco del paziente. Mentre il dispositivo esegue questa analisi, è necessario smettere di eseguire RCP. Sarà il DAE stesso a determinare se il ritmo è defibrillatile o meno. Qualora il DAE consigliasse la scarica, nei modelli semiautomatici occorrerà premere il tasto per il rilascio della scarica stessa, mentre nei modelli automatici la scarica verrà rilasciata automaticamente. Durante la fase di scarica è necessario assicurarsi che nessuno tocchi il paziente, ma non perché potrebbe subire danni, ma solo perché “sottrarrebbe” energia utile al paziente.

Una volta che la scossa è stata erogata, occorrerà continuare con RCP finché il paziente non darà segni di vita oppure finché il DAE darà istruzioni di fermarsi, in quanto procederà all’analisi del ritmo.

Se il defibrillatore ti dirà che la scossa non è necessaria, non occorre premere il bottone dello shock. Non rimuovere gli elettrodi dal petto del paziente e continua con RCP finché non arriveranno i soccorsi.

Come posso dotarmi di defibrillatore?

Che tu abbia bisogno di un defibrillatore per il tuo luogo di lavoro, per una postazione pubblica, ecc, devi comunque avere un DAE che sia affidabile e che ti dia la giusta tranquillità. Noi di GAPEL offriamo soluzioni per ogni settore, dalle scuole alle associazioni sportive.